A filo d'erba

di Stefano Catone

Recent Posts

Non è tempo per i giusti (una storia di immigrazione clandestina ad alta quota)

Ci sono stato più volte, sui monti dell’alta Valle Spluga. Un pezzo della mia storia famigliare passa da lì, e se un pezzo di quella storia passa da lì, quella storia ha visto sicuramente spostarsi confini e frontiere e valicare confini e frontiere senza rendersene nemmeno conto. A me è capitato più volte: passare il confine svizzero e fare […]

Salvataggi in mare: la ritirata e la sconfitta delle istituzioni

Da destra a sinistra (sinistra?) è stato individuato il problema: si tratta delle Organizzazioni non governative, colpevoli di salvare i migranti in mare e, dal punto di vista italiano, di scaricarli in Italia, non facendo altro che quanto previsto dal diritto internazionale che prevede a) il divieto di respingimenti collettivi e b) l’obbligo di soccorso in mare e […]

Accoglienza: altri 150 milioni distribuiti a pioggia

Esattamente un mese fa abbiamo raccontato dei 100 milioni di euro buttati dal governo per finanziare un fondo che elargisce una mancia a tutti i comuni che accolgono richiedenti asilo e rifugiati, a prescindere dalla volontà dei comuni stessi, dato che non veniva operata nessuna distinzione tra progetti Sprar (che garantiscono elevati standard di accoglienza e inclusione, e dei quali […]

Dall’Africa a Como: la politica chiude le frontiere, i migranti aprono altre rotte

Stazione di Como. Un treno vuoto obbliga ad usare il sottopassaggio per raggiungere il binario al quale fermerà il treno per la Svizzera. La deportazione collettiva di 48 cittadini sudanesi, avvenuta nelle scorse ore, non è solamente un grave atto di violazione dei diritti umani: è soprattutto il frutto di una strategia ben precisa che ha come fine ultimo il […]

«It’s not human»

Horgos è un paesino di circa 6mila abitanti a est di Subotica. La frontiera lo separa da Asotthalom, Ungheria, dove il sindaco, nei mesi scorsi, ha organizzato e pubblicizzato la caccia al migrante. Trovare il campo non è semplice. Ci proviamo una prima volta, con gli amici di Speranza – Hope for children, chiedendo ai […]

I fantasmi di Afghan park

Belgrado è caldo e afa. Ma non stasera. Un acquazzone ha abbattuto la temperatura. Syrian park e Afghan park si sono svuotati. Le persone hanno trovato un posto dove passare la notte nei parcheggi a più piani e sotto i portici di un edificio. C’è Shabir, tra di loro. È arrivato oggi a Belgrado dal […]

Kelibia, confine di nessuno

Subotica, 140mila abitanti, confine nord della Serbia. Dall’altra parte, l’Ungheria, l’Unione Europea. Nella zona si trovano attualmente circa 1200 migranti bloccati. Afghani, Siriani, Pakistani, soprattutto. 200 in città, 300 nel campo al confine di Kelibia, 700 nel campo al confine di Horgos. I campi sono di tipo informale, l’accesso è assolutamente libero. Le autorità governative […]

Afghan park e Syrian park

A pochi passi dalla stazione di Belgrado, in due parchi pubblici, sono accampati da più o meno un anno persone in transito. Dalla Macedonia, dalla Grecia e dalla Bulgaria, verso l’Ungheria e la Croazia. Puntualmente respinte, puntualmente fanno rientro a Belgrado. Sono per la maggior parte afghani, ora. Li potete vedere: bambini, adolescenti, ragazzi. Qualche […]

Sulla rotta balcanica

Lo zaino è pronto e la partenza è vicina. Nelle prossime ore, su queste pagine, troverete i miei personalissimi appunti di “viaggio”: fotografie, impressioni, frammenti dalla Serbia, dove mi troverò per circa una settimana in compagnia degli amici di “Speranza – Hope for children”, nel mezzo della rotta migratoria balcanica. Da più parti si racconta che, grazie […]

Expo secondo noi

  Una mia intervista su Lombardia Oggi, in cui parlo di Expo della dignità (e di Possibile).